Archivio mensile:gennaio 2010

USCITE LE MATERIE PER LA MATURITA’ 2010

Ieri, 29 gennaio, il ministro Mariastella Gelmini ha annunciato, mediante il suo canale su YouTube, le materie oggetto della seconda prova per l’Esame di Stato 2010 e quelle che saranno affidate ai commissari esterni!

Liceo Classico: Greco in II prova (interno) e Italiano, Matematica e Scienze Naturali affidate al commissario esterno

Liceo Scientifico: matematica in II prova (interno) e Italiano, Inglese e Filosofia affidate agli esterni

Liceo Linguistico: lingua straniera in II prova (interno) e Italiano, matematica e filosofia agli esterni

giuridico economico aziendale: economia aziendale in II prova (interno) e Italiano, matematica e diritto agli esterni

Per gli altri indirizzi visitate il sito del Ministero; di seguito il link al quale collegarsi: http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2010/dm5_10.shtml

L’importante è partecipare

Pubblicato sulla rivista “Enrico Medi”

_________________________________________________________________________________

di Saretta Marotta -Segretaria nazionale MSAC
e Andrea Iurato – Segretario nazionale FUCI

A pensare agli ingredienti della formazione di un giovane viene in mente la fila di ampolline sulla mensola di Gargamella: letture, incontri, la scelta del gruppo da frequentare, la formazione religiosa, tutto in boccettine ciascuna con la propria etichetta sopra, da dosare con cura onde evitare che qualche sapore prevalga sugli altri, pena l’avere il giovane topo da biblioteca, o quello iper-relazionale, quello da sagrestia e quello secchione. La formazione dei giovani in realtà “campa” invece prevalentemente di luoghi. Sono i luoghi fisici, concreti, quelli che informano di sé la vita di ciascuno. Quei luoghi così radicalmente integrati nella nostra vita che, pur essendo sempre sotto il nostro naso, raramente ci accorgiamo di quanto ci trasformino. La nostra casa, ovvero la nostra famiglia, il lavoro che svolgiamo, l’attività che non solo occupa gran parte della nostra giornata e di tutti i nostri pensieri, ma costituisce praticamente la nostra identità. Essere studenti allora, dall’adolescenza al quarto di secolo, non significa semplicemente passare il tempo sui libri, ma abitare un luogo, una condizione. È una questione di identità, di vocazione, di consapevolezza del compito assegnato alla nostra vita per quel frammento di tempo, per quegli anni. È la scommessa che l’Azione Cattolica sogna per tutti i propri studenti, armandoli di una consapevolezza che li spinga a guardare il loro tempo e il loro “luogo” con occhi sapienziali, che sappiano discernere la differenza cristiana da portare tra i banchi di scuola. La sfida è lanciata già agli studenti delle scuole superiori, perché a 15, 16, 17 anni si può essere capaci di responsabilità e partecipazione. Responsabilità per i mille volti che a scuola incontriamo: i banchi sono laboratorio di relazione, tra compagni, coi professori, sono il ring su cui ci giochiamo i primi amori e pure gli scontri più duri; sono anche l’occasione per lasciare sul campo i compagni dei banchi dietro, quelli che abbiamo fatto “fuori” dalla nostra vita con i fendenti dell’indifferenza, del disinteresse, del “non è compito mio”, rimettendoci in bocca le parole di Caino “sono forse io custode di mio fratello?”. La “convivenza civile” di cui tanto ci parlano i programmi di educazione civica è allora incarnata in qualcosa di molto concreto, inesorabilmente tangibile e che interpella tutti. Come tutti ci coinvolge quella domanda di partecipazione di cui tante volte proprio sui banchi troviamo le tracce, magari graffiate sulla superficie con uniposca colorati a lasciare impronte di nomi, date, “segni” del nostro passaggio, Continua a leggere

Anche la commissione cultura del Senato approva la riforma

è arrivato anche l’ultimo parere prima del varo definitivo al Consiglio dei Ministri

La riforma di licei, tecnici e professionali colleziona quindi un altro voto, dopo quello della VII commissione Cultura della Camera

Anche la commissione del Senato ha detto sì, ma con alcune importanti condizioni, che potrebbero mettere in difficoltà il Governo

  • inizio della riforma nell’anno 2010/2011 sì, ma solo a partire dalle prime classi (non il biennio, cioè le prime di quest’anno scolastico)
  • invito a “riconsiderare, nel contesto del medesimo quadro orario complessivo, la riduzione delle discipline scientifiche e di indirizzo”, specie per i professionali, per i quali si è chiesto di non “tagliare” più di 2 ore a settimana (che già in un anno sono tantissime!)
  • revisione del riordino delle cattedre, come già suggerito dal parere del Consiglio di Stato, tramite regolamenti e non decreti (ci vorrà quindi più tempo)

vedremo come il Consiglio dei Inistri recepirà tali condizioni… intanto la riforma slitta per ora alla fine di marzo

IL MSAC SUL DIRITTO ALLO STUDIO

Qui di seguito il testo del parere, sul Diritto allo studio, che il Msac ha inviato al MIUR. Cosa ne pensate? è il frutto del lavoro della Mo.Ca. della primavera 2009!!!!!!

IL TESTO DEL PARERE

«I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi,

hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi»

Costituzione Italiana, Art. 34.3

1. Cos’è questo documento

Questa riflessione è l’elaborazione delle idee e delle attenzioni emerse durante i lavori di uno dei “cantieri” sui quali il Movimento Studenti di Azione Cattolica (MSAC) ha riflettuto in occasione del suo convegno nazionale della scorsa primavera, la “Mo.Ca” (sigla per “Movimento in Cantiere”). La Mo.Ca. è l’ormai tradizionale appuntamento triennale in cui il movimento entra in “cantiere”, chiamando a raccolta tutti i segretari ed i responsabili diocesani per riflettere insieme e confrontarsi sulle tematiche che riguardano le politiche scolastiche L’obiettivo è quello di offrire ai segretari diocesani l’occasione di approfondire i temi “caldi” del momento nel dibattito sulla scuola, con l’opportunità di un confronto diretto con esponenti politici e delle istituzioni, al fine di elaborare insieme le riflessioni e le proposte del MSAC per la politica scolastica. Quest’anno il MSAC ha messo “a cantiere” tre temi: Organi Collegiali, Diritto allo Studio e riforma dei Saperi. Continua a leggere

Riforma della scuola approvata anche dalla Commissione Cultura della Camera

manca pochissimo alla riforma della scuola, che ormai resta solo da approvare da parte del Consiglio dei Ministri. Il primo CdM utile è previsto per venerdì 22 gennaio, ma è abbastanza improbabile che si tratterà della seduta del CdM che approverà la riforma Gelmini. Il primo motivo, meramente gossipparo, ma che comunque costiruisce un impedimento “pratico” è che il Ministro dell’Istruzione prevede di SPOSARSI il giorno dopo. Anche se la riforma della scuola superiore potrebbe costituire per lei un bel dono di nozze, per fortuna ci vorrà ancora del tempo prima che il testo diventi decreto legge.

Infatti la commissione Cultura della Camera, presieduta da Valentina Aprea, ha offerto il proprio parere favorevole ai tre regolamenti, ma ha proposto alcune modifiche. Ad esempio, che la riforma sia operativa dall’anno prossimo solo per le prime classi e non per tutto il biennio. e poi, e questo forse piacerà al prof di cui abbiamo pubblicato la lettera qualche giorno fa, che il liceo scientifico tecnologico si chiami “informatico”.

Notevole è il fatto che il parere abbia ricevuto in commissione i soli vti dei deputati della maggioranza, mentre l’opposizione e persino l’Udc hanno votato polemicamente contro.

è dunque questione di giorni. I prossimi passi della riforma gelmini saranno l’aprovazione in Consiglio dei Ministri, la firma di Napolitano e la revisione della Corte dei Conti. L’anno 2010/2011 sarà decisamente l’anno della nuova riforma.

Lettera aperta di un prof. sui tecnici

Avendo ricevuto preghiera di pubblicazione, postiamo qui, all’interno della rubrica “dico la mia” la lettera aperta al Ministro Gelmini del prof. Daniele Manni, dell’ITC Costa di Lecce

_________

Lettera aperta

Al Ministro della Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini

e per conoscenza

Al Direttore Generale per gli Ordinamenti Scolastici Mario Giacomo Dutto

Gent.mo Ministro Gelmini,

mi chiamo Daniele Manni, sono un docente di Informatica in servizio da 18 anni presso l’Istituto Tecnico Commerciale “Costa” di Lecce, e quanto Le sto per scrivere esprime, probabilmente, il pensiero di molti, se non di tutti, i miei colleghi in Italia che insegnano la mia materia nell’indirizzo “Programmatori” presso i Tecnici Commerciali.

Prendendo visione del riordino degli Istituti Tecnici non si può non constatare come sia stato eliminato del tutto nel Settore Economico l’indirizzo “Programmatori” (indirizzo in cui l’Informatica è una delle principali materie e che, tra l’altro, negli ultimi venti anni ha visto crescere esponenzialmente il numero degli iscritti, data la richiesta sul mercato della specifica figura uscente) e come dalle attuali 5 e 6 ore settimanali di Informatica si passerà a settembre, nel migliore dei casi, a solo 2 ore (per i primi quattro anni) e a 0 (zero) ore per il quinto anno.

Ora, volendo anche trascurare gli aspetti legati alla pura e semplice meraviglia sul perchè venga così drasticamente ridotto il monte ore di una materia talmente attuale e professionalizzante nell’ambito dell’istruzione tecnica ed in particolare Continua a leggere

Il Consiglio di Stato ha dato parere favorevole alla riforma Gelmini

Ieri sera (13 gennaio) è pervenuto al ministero dell’Istruzione il testo dei pareri sui tre regolamenti che dovrebbero cambiare la scuola superiore a partire dal prossimo anno scolastico.

A questo punto mancano solo i pareri delle due commissioni parlamentari “Cultura” di Camera e Senato, che avevano atteso, per completare la loro discussione sul testo, proprio che il Consiglio di Stato si pronunciasse sulla riforma

Nei prossimi giorni dunque i testi dei regolamenti potrebbero essere già passati al voto conclusivo sia alla Camera che al Senato.

Prevediamo dunque un periodo di grosse agitazioni nel mondo della scuola e raccomandiamo a tutti i msacchini prontezza e dedizione nel servizio (soprattutto di informazione, di esercizio critico e analisi propositiva) ai propri compagni

In bocca al lupo a tutti!

Tetto al 30%

Invece di andar contro sistematicamente ad ogni cosa esca fuori dal palazzo in viale Trastevere, ogni tanto ci toccherebbe star zitti e zittire le polemiche, e mettere al lavoro il cervello.

Qualche tempo fa a proposito degli stranieri a scuola ci fu la proposta delle classi d’inserimento, presto chiamate le “classi ghetto”, che avrebbero dovuto convogliare tutti gli stranieri impossibilitati per barriera linguistica a seguire i programmi didattici delle “classi normali”. Anche noi ci siamo fortemente opposti a quella proposta (la mozione Cota), a nostro parere olezzante razzismo e poco lungimirante. La scuola italiana è famosa in Europa per il suo modello di integrazione degli stranieri, che non li vede separati dagli altri ma integrati nella classe, proprio per stimolare maggiormente gli alunni stessi ad un più veloce apprendimento della lingua ed a una migliore educazione alla convivenza interculturale.

Ora però si denuncia come razzistico anche il provvedimento Gelmini di prevedere un tetto massimo (del 30%) degli alunni stranieri in ciascuna classe. Riflettiamo.

Ci vuole equilibrio. se è interessante e stimolante la presenza multiculturale tra le mura di un’aula, questa non deve superare certe proporzioni, proprio perchè non venga superato quel limite per cui ai vantaggi si sostituiscono gli scompensi di una didattica sicuramente rallentata da problemi linguisitici e di integrazione che altrimenti si porrebbero in minor misura.

Ancora una considerazione. In Italia ci sono moltissimi esempi di scuole virtuose, in cui fortissima è la presenza straniera proprio per ottimi modelli di didattica integrata, ricezione della diversità, dialogo interculturale e multilinguistico. Altre, molte altre purtroppo, su questo piano sono molto indietro. Ma cosa accadrebbe se, per un normale meccanismo del passaparola, in quelle scuole si concentrasse la presenza straniera sgravando le altre, deresponsabilizzandole da compiti che comunque dovrebbero assumere? Le scuole virtuose finirebbero per non esserlo più, a causa della rottura del virtuosismo degli equilibri. Al contrario le scuole pigre si atrofizzerebbero nella loro incapacità di recepire la presenza di alunni stranieri. Le prime allora diventerebbero sì scuole ghetto. E pensate al rischio , senza un tetto alla presenza di stranieri, che nei singoli istituti si formino per prassi naturale “classi ghetto”, in cui mozione Cota o no, verrebbero concentrati tutti i “didatticamente indesiderabili”

E’ giusto allora prevedere dei limiti, delle proporzioni.

Ma… come è buona norma per tutto ciò che di umano si trova sotto il sole, “cum grano salis”.

La soglia del 30% non deve diventare un vincolo più dannoso del rischio che vuole evitare. Non si può pensare, per esigenze di percentuale, che degli alunni stranieri vengano sbattuti di istituto in istituto, a kilometri di distanza, per la burocrazia della norma. Vanno pensate e regolamentate le eccezioni, che ogni buona norma deve avere. Elasticità sia il criterio d’ispirazione per tutti

voi che ne dite?

Cominciano gli incontri regionali di preparazione alla SFS!!!

Dal 16 al 18 aprile a RIMINI il Movimento Studenti di Azione Cattolica organizza la quarta edizione della Scuola nazionale di Formazione per Studenti (SFS), l’appuntamento triennale del MSAC, che in questo 2010 compie 100 anni di storia!

La SFS è aperta a tutti gli studenti delle scuole superiori d’Italia, appartenenti o no al movimento o all’associazione. Clausola fondamentale è l’iscrizione attraverso il centro diocesano AC.

Per prepararsi a questo attesissimo appuntamento, l’Equipe Nazionale MSAC organizza una serie di incontri regionali per tutti i msacchini, responsabili e studenti che intendono partecipare e organizzarsi per la SFS! Saranno incontri di preparazione tematica (e logistica! ^_^), insieme agli incaricati regionali e agli ospiti della Segreteria Nazionale

Cominciamo col weekend prossimo:

  • La SICILIA si incontra a Palermo dal 9 al 10 gennaio! per info: miriennailo@tiscali.it e alessandra88@yahoo.com. Dell’equipe nazionale saranno presenti: Laura La Placa, Alessandra Migliara e per la Segreteria Nazionale Marco Maccolini
  • La LOMBARDIA si riunisce in occasione del consiglio regionale del 9 e 10 gennaio, a cui interverrà la Presidenza Nazionale di AC. Per info: lorylory_88@hotmail.it e velvetste@hotmail.it Presenti l’incaricato regionale Lorenzo Rossi e per la Segreteria Nazionale Stefano Veluti e don Nicolò Tempesta.
  • La TOSCANA si incontra il 10 gennaio! Per info ale.garu@tiscali.it. Presenti l’incaricato regionale Alessandro Garuglieri e la Segretaria Nazionale Saretta Marotta
  • La CAMPANIA si incontra tutta la giornata del 10 gennaio. Per info: a.scognamiglio@inwind.it. Presenti l’incaricata regionale Lisa Scognamiglio e la Segretaria Nazionale Saretta Marotta
  • L’EMILIA ROMAGNA si incontra nel pomeriggio del 10 gennaio (ma si fa il bis il 21 febbraio a RIMINI). Per info: marco.maccolini@libero.it. Presenti per l’Equipe Nazionale Cristina Malanca, Serena Bartolini, Alessandra Berlinii e per la Segreteria Nazionale Marco Maccolini
  • Il PIEMONTE e la VALLE D’AOSTA si incontra il 6-7 febbraio. La LIGURIA invece riceverà visite “a DOMICILIO” (^___^) da parte di Elena Poser e Diletta Balduzzi. Info: poser_elena@msn.com e dilebaldux@hotmail.it
  • il TRIVENETO prepara la SFS il 7 febbraio! Per info contattare i due incaricati regionali, Michele Azzoni e Veronica Vanzo: michele.azzoni@hotmail.it e veve_1@libero.it. Saranno presenti poi per l’Equipe Nazionale Stefano Dalla Mora, Stefano Voltan e Francesco Zignol.
  • appuntamento in CALABRIA in occasione dell’incontro regionale con la Presidenza Nazionale ed il Consiglio Nazionale di AC il 13 marzo a Reggio C.
  • per le date di PUGLIA, LAZIO, SARDEGNA ed ABRUZZO-MOLISE restate sintonizzati. Oppure chiedete info a: msac@azionecattolica.it